lunedì 17 dicembre 2018

Discovering creativity: La poltrona verde!

Seguo Barbara su Instagram da diversi mesi e mi sono sempre chiesta il perché di questa "poltrona verde" e intervistandola ho scoperto una storia bellissima. Ci sono tante persone che hanno la tendenza a mettersi da parte e a dare più importanza agli altri che a se stesse, ma poi arrivano ad un punto nella loro vita in cui hanno bisogno di riprendere i propri spazi e di ricominciare. Barbara l'ha fatto così, con una poltrona verde in cui solo lei si può sedere e "La poltrona verde", una nuova e luminosa strada davanti a lei nata dalla sua passione per i bijoux. Barbara ha iniziato a creare monili coniugandoli con un'altra passione, la pittura, ma come purtroppo spesso succede alle artigiane le persone non riconoscevano il valore economico delle sue creazioni, allora ha dovuto concentrarsi su modelli che rispondessero alla domanda del pubblico, ma che non le comportassero eccessivi costi di tempo e materiali. La poltrona verde adesso è la professione di Barbara, ma non la sua unica attività perché lei è anche volontaria ospedaliera. Per le sue creazioni prende spunto dalla natura e dall'alta oreficeria, cosa che si nota subito ammirando le sue creazioni, con il vantaggio di un costo inferiore perché Barbara ben sa che a noi donne piace cambiare, soprattutto se si tratta di accessori. Il suo è uno stile elegante e raffinato, ma discreto. Potete trovare Barbara su Facebook, Instagram e Pinterest.

I'm following Barbara on Instagram since a lot of time and I've wondered why "poltrona verde" (green armchair), but after I interviewed her I discoverd why. There are lot of people who tend to give other people more importance than they to to theirself, but then they arrive to a moment in their life in which they need to seek out their own space and to restart their lives. Barbara did this with a green armchair where only she can seat and with opening "La poltrona verde" thanks to her passion for jewellery, which is now her profession. She takes inspiration from nature and from high-quality jewellery, which is something you can immediately see from her works, with the advantage that her jewellery is much more cheaper, because she knows that women like to change their jewellery. Her style is elegant and sophisticated, but discrete. You can find Barbara on Facebook, Instagram and Pinterest.















Grazie alle loro passioni, Barbara e le sue amiche sono anche riuscite a fondare il PINK network, una rete al femminile con fulcro a Segrate, da cui è nato il PINK market, se foste interessate vi invito a consultare i link! 

venerdì 14 dicembre 2018

The biggest disappointment in Malta: Comino and the Blue Lagoon.

Credetemi, è un vero peccato per me dover scrivere questo articolo, ma credo sia molto importante quando si viaggia avere la possibilità di sentire diversi punti di vista e di capire a cosa si va incontro. Ho sentito parlare della Blue Lagoon da chiunque sia andato a Malta, tutti ce l'avevano consigliata e in tutti i siti di viaggio è descritto come un posto imperdibile. Noi siamo stati a Gozo durante la settimana di Ferragosto, ed essendo che anche lì è festa nazionale, abbiamo pensato che ci sarebbe stata gente in qualunque giorno della settimana e siamo andati di domenica. Eravamo preparati alla folla, ma non a quello che abbiamo visto: centinaia e centinaia di persone ammassate su ogni angolo dell'isola, ogni quindici minuti arrivavano barche che scaricavano altra gente, barche che rimanevano vicino al molo con i motori accesi appestando l'aria, quella meravigliosa acqua cristallina di cui avevo tanto sentito parlare sporcata da alghe arrivate con le barche e cartacce dei turisti. Il colpo finale ce l'hanno dato quando hanno cambiato i sacchi della spazzatura (ad un metro dal nostro ombrellone, pagato 30 €!) lasciando quelli pieni lì, sulla spiaggetta. In una parola? Un incubo!

Ora, il fatto che la nostra giornata a Comino non sia stata favolosa non è il punto di questo articolo. Oltre ad essere utile per chi volesse intraprendere il nostro viaggio, vorrei ragionare con voi sull'importanza di tutelare le meraviglie che il nostro pianeta ci ha regalato. Esasperata, quel giorno ho chiesto all'addetto agli ombrelloni se avessimo sbagliato noi ad andarci di domenica e lui mi ha risposto che in quel periodo vengono trasportate a Comino più di TREMILA persone al giorno e che c'erano stati giorni più affollati rispetto a quello. Ora voi immaginate una piccola laguna quanto potrà rimanere così se il flusso dei turisti non verrà controllato. Secondo me parliamo di devastanti cambiamenti in meno di un secolo. Il giorno in cui ci siamo stati la meravigliosa acqua di cui mi avevano parlato era già sporca alle dieci di mattina. L'unica soluzione che vedo per proteggere la bellezza di quel posto è che le visite all'isola vengano controllate e limitate, mettendo su un sistema di prenotazioni di biglietti e trasporti per poterci andare, limitando così sia le corse delle barche che il numero di turisti che vi approdano ogni giorno. Se il governo maltese non prenderà misure di questo genere entro i prossimi anni, temo che entro qualche decennio non potrà più vantarsi delle acque cristalline della Blue Lagoon e ciò è un vero peccato perché sarà l'ennesimo ambiente nature distrutto dall'ambizione, dalla sete di ricchezza e dalla stupidità dell'uomo.



It's a real pity for me having to write this article, but I think it's important when it comes from travel to have the possibility to hear different points of view and to know more of the places that you're going to visit. Everyone who has been in Malta talked to me about the Blue Lagoon in Comino, they told me to go there and every travel site talk about this place as a paradise. So we were prepared to find lot of people there, but we were not prepared to what we saw: hundreds and hundreds of people crammed on the rocks, in every little corner of the island, every quarter of the hour arrived new boats which pull down new people, the boats remained near the dock with their motors running all the time so the stink was terrifying. The beautiful water which so many people described to me was dirty because of the seaweeds raised by the boats and the turists' rubbish. The fatal blow was the moment in which they changed the garbage bags and left the full one near our deckchairs (which we paid 30€!) on the beach. In a word? A real nightmare.
But the fact that our day in Comino wasn't perfect is not the point. I'd like this article, in addition to being useful for the people who want to go there, I'd like to reflect together on the importance of protect and respect the wonderd that our planet gave us. That day the man of the deckchairs told me that each day boats transport more then three thousands of people. So just imagine a small lagoon like that how many time will remain the same if the flow of tourists won't be regulated. I think that we can talk about drastic changes in less then a century. The day we went there the crystalline water of which everyone talks was dirty from 10 a.m. The only solution to protect the beauty of the place is to limit and control the visits to the island, making the visit bookable and limiting the rides of the boats and the number of tourists per day. If the maltese government won't do something like this, I fear that in some years they won't be able to boast of their paradisiac Blue Lagoon, and that's a real pity because it will be another beautiful environment destroyed buy the ambition and the foolishness of the men.









martedì 11 dicembre 2018

Fashion crushes #1 : Lazzari Store (with Carolyn Suzuki)

Oggi un articolo molto breve per condividere con voi qualcosa che, a parer mio, merita tutta la vostra attenzione. Vi capita mai di innamorarvi di un'intera collezione di un marchio tanto da desiderare di indossare ogni singolo capo? A me è successo così con la collezione di Lazzari Store, un brand italiano di accessori e abiti da donna, in collaborazione con Carolyn Suzuki. Adoro tutto! Dai colori, dalle forme morbide scelte per i capi, i colletti e le maniche spettacolari delle camicette e, ovviamente, gli splendidi disegni di Carolyn Suzuki. Lazzari Store è assolutamente un marchio italiano da tenere d'occhio e su cui potete puntare per i vostri regali di Natale!

Se invece desiderate optare per un regalo di Natale sostenibile, perché non puntare su un sito che venda abiti delle grandi firme, e quindi di ottima qualità, ma che sono di seconda mano? Navigando sul web ne ho scoperto uno fantastico: Micolet.it, uno shop online che vende capi di seconda mano in perfette condizioni. Non solo luxury brand, ma anche Zara, Stradivarius, Mango, ecc... Insomma, il posto ideale per rifarsi il guardaroba in modo economico e sostenibile, dove trovate sconti fino al 80%! Che ne pensate?

Today a very short post to share with you something that deserve all your attention. Did you ever fall in love with an entire collection of a brand so much that you wish to wear all its pieces? I've just done it with the Lazzari Store, an italian brand of women dresses, collection in collaboration with Carolyn Suzuki. I love everything of it, from the colours, to the soft shapes of the pieces, to the spectacular shirts' collars and sleeves and, obviously, the stunning design by Carolyn Suzuki. Lazzari Store is an italian brand that you should bare in mind! 

While if you wish to do a more sustainable choice for your Christmas gifts, why don't you choose a shop like Micolet.it, which is an online shop where you can find designer second hand pieces in good quality and conditions. Not only luxury brand, but also Zara, Stradivarius, Mango and many others with even 80% of discount. The best way to renew your wardrobe in cheap and sustainable way. What do you think about the opportunity? 










mercoledì 5 dicembre 2018

The Ritual of Sakura by Rituals review / Recensione del cofanetto Rituals: The Ritual of Sakura

Penso che questa mia recensione cada a pennello perché sotto Natale nelle migliori profumerie potete trovare tantissimi cofanetti Rituals come idea regalo, quindi potrebbe esservi utile per decidere se compralo anche voi o meno. Questo cofanetto è stata la mia prima occasione di provare i prodotti Rituals. Mi è stato regalato dalle mie amiche che sapevano che ci tenevo tanto a provare i loro prodotti e non potevo esserne più felice. Il cofanetto conteneva un gel schiumoso per la doccia, un olio per la doccia, una crema idratante e uno scrub. Purtroppo non ho più l'INCI dei due prodotti da usare sotto la doccia (ops) quindi non sarà una recensione completissima ma desidero parlarvene lo stesso e condividere con voi impressioni e opinioni. Voi avere già provato i loro prodotti? Come vi siete trovate e quali mi consigliate?

I think that this review is perfect for the moment as during Christmas time you can find a lot of these Rituals boxes as gift idea for the occasion, so it could be useful for you to decide if you want to buy it or not. With this gift set, which was given me by my friends, I had the opportunity to try Rituals' products for the first time. It contains a shower gel, a shower oil, a body cream and a scrub. I'd like to do a little review of it but, unfortunately, I don't have the INCI of two of these products so I won't be a perfect review but I'd like to tell you my opinion anyway. Have you ever tried their products? How do you feel about them and which products do you suggest to me?





 Body cream

INCI: 1.aqua/water 2.cyclopentasiloxane 3.cetearyl alcohol 4.glycerin 5.caprylic/capric triglyceride 6.helianthus annuus (sunflower) seed oil 7.oryza sativa (rice) extract 8.centella asiatica extract 9.prunus avium (sweet cherry fruit) extract 10. ubiquinone

L'INCI di questa crema sarebbe in realtà molto lungo e purtroppo in posizioni più basse contiene anche dimethicone e paraffina quindi non è proprio bellissimo, considerato anche il cyclopentasiloxane (un altro silicone) in seconda posizione. Quindi diciamo che tutte le doti positive dei successivi oli ed estratti naturali vengono un po' penalizzati dalla presenza di questi ingredienti. La crema ha comunque delle buone qualità idratanti e quello che mi è piaciuto di più è il delicato profumo di ciliegio che lascia sulla pelle. Sicuramente non è un prodotto green ma non mi sento di bocciarla del tutto.

This cream's INCI is very long and, unfortunately, it contains dimethicone and paraffin that, with the cyclopentasiloxane (another silicon) in the second position, it's not good. So we can say that the benefits of the natural oils and extracts in the other positions can be canceled by that. Anyway, the cream has good moisturizing quality and what I liked most is the scent of cherry blossoms that the cream leave on your skin. It's not a green product but I can't reject it.



Scrub

INCI: 1.sucrose 2. ethylhexyl stearate 2.isopropyl myristate 3.carthamus tinctorius (hybrid safflower) seed oil 4.persea gratissima (avocado) oil 5.prunus amygdalus dulcis (sweet almond) oil 6.parfum/fragrance 7.macadamia integrifolia seed oil 8.simmondsia chinensis (jojoba seed) oil

In questo caso gli ingredienti sono meno di dieci quindi sono riuscita a inserirli tutti (come sapete per ogni INCI scrivo solo i primi 10). Al contrario del precedente, l'INCI è molto positivo perché quasi tutti gli ingredienti sono di origine naturale. Come potete vedere, è uno scrub a base zucchero. Io non ne avevo mai provati prima, negli altri c'era sempre il sale, e in effetti ho sentito la differenza perché lo zucchero risulta molto più delicato. Infatti, devo dire che al primo posto continua ad esserci lo scrub Atollo 13 di Lush che è molto più potente, ma questo di Rituals non mi è per niente dispiaciuto, lascia la pelle molto morbida e profumata e potrebbe provarlo chi ha una pelle più delicata.

In this case there are less then ten ingredients so I can write them all (as you know I always write the first 10 ingredients of the INCI). Thi INCI is quite good because, as you can see, almost all the ingredients are natural, as all the oils. It's a sugar based scrub and it was the first time I tried a scrub like this, I still prefer Atollo 13 by Lush which is salt based because it's much strong, but I liked the Rituals one too. It leaves your skin so soft and good smelling. If you have a delicate skin it could be the perfect scrub for you. 



Shower gel

Questo gel doccia è uno dei prodotti più divertenti che io abbia provato. Sì, divertente, perché è proprio divertente essendo anche schiumoso. Appena uscito dal tubo sembra un semplice gel doccia ma in pochi secondi si trasforma in una schiumetta e una volta passato su tutto il corpo la schiuma di moltiplica, lasciandoti un profumo sulla pelle dolce e floreale, persistente ma non in senso negativo, una sensazione molto rilassante. Purtroppo non ho più l'INCI del prodotto, temo che non sarebbe stato troppo positivo, tuttavia credo che se si voglia fare uno strappo sia un prodotto molto valido per la morbidezza, la pulizia e il profumo che lascia sulla pelle.

This shower gel was one of the funniest products I tried. Yes, it's funny, because it's a foaming gel so, after fiew seconds in which it seems a simple gel, it becomes a scented lather that leaves your skin so soft and perfumed. Unfourtunately, I don't have this product's INCI anymore.



Shower oil

Concludiamo con il prodotto che mi ha convinto di meno. L'olio per la doccia è un prodotto da usare a fine doccia, da risciacquare prima di uscire che promette di lasciare la pelle così liscia da poter sostituire la crema idratante. Ecco io non ho riscontrato questo risultato, ho provato ad usarlo in combinazione con lo scrub del cofanetto e non cambiava nulla, con o senza l'olio la pelle risultava molto morbida grazie allo scrub e comunque, in entrambi i casi, una volta uscita sentivo il bisogno della crema idratante. Inoltre un piccolo appunto anche all'odore che, mentre per tutti gli altri prodotti, come ho già detto, era buonissimo, quello di quest'olio non risultava molto gradevole. Quindi per me l'olio è bocciato.

This was the product that I liked less. It has to be used at the end of the shower and then be rinsed and it should leave the skin more soft and moisturized but I couldn't see any change whether I used it or not. Moreover, it didn't smell so good.


venerdì 30 novembre 2018

Christmas Gift Guide: buone ragioni per regalare fatto a mano a Natale / good reasons to buy handmade

Per fortuna, nei blog e su Instagram sempre di più si sente parlare di moda e di shopping sostenibile. Per questo quest'anno vorrei scrivere per voi alcune una guida ai regali di Natale sostenibile e amica dell'ambiente grazie ad alcune amiche che abbiamo già conosciuto sul blog. Sì, perché quale può essere un regalo sostenibile migliore di un capo di abbigliamento o un accessorio realizzato a mano? Questo tipo di regalo offre molteplici vantaggi, ma prima di essere io a dirvi quali sono vorrei che fossero loro, le bravissime artigiane di cui vi ho già parlato nella mia rubrica dedicata al mondo handmade:

Fortunately, there are many more blogs and Instagram feeds talking about sustainable fashion and shopping. So this yeare I'd like to write for you a sustainable Christmas gift guide thanks to some friends who we already met here in the blog. What a better idea than giving handmade for Christmas? Which gift can be more sustainable? This type of gift give you many advantages, but before telling you which one are they, I'd like THEY to tell you, the creative people who I already present to you in my discovering creativity:


Lisa di Piccole Cose Handmade (l'abbiamo conosciuta qui)

"Possedere o regalare un oggetto fatto a mano è come possedere o donare un piccolo tesoro da poter custodire nel tempo, un amuleto, un ricordo, il portafortuna da cui è impossibile separarsi. Se poi è personalizzato appositamente per un nostro caro, diventa ancora più prezioso".


"Having something handmade is like having a little treasure to keep safe by the time, a memorie, a lucky charm from which you can not separate. It's even more precious if it's something personalized". 





Sara di Sillabe (che abbiamo conosciuto qui)

"Scegliendo un prodotto artigianale si sceglie la qualità e non la quantità, si sceglie un lavoro fatto con il cuore, in modo etico e sostenibile. Si tratta di un prodotto che, se non è unico, ha pochissime copie ed è quindi autentico e originale. Ci fa conosce e permette di far crescere un mondo bellissimo, quello degli artigiani italiani che sono tanti e tutti bravissimi".

"If you choose a handmade product you choose quality and not quantity, you choose something created from passion, in a ethical and sustainable way. It's a product which, if it's not unique, has very fiew copies so it's original. Through it you can discover and sustain a beautiful world made of artisans". 




Barbara di La poltrona verde (che vi presenterò presto)

"Un regalo fatto a mano e qualcosa che va al di là del donare un puro oggetto. Sì, si regala qualcosa di fisico, di tangibile, ma c'è anche una parte della storia che non si può toccare: il tempo, la passione, la fatica, i sogni di una persona che attraverso quel lavoro si esprime e si mantiene. Un oggetto artigianale può anche avere il vantaggio della personalizzazione. La storia personale dell'artigiano è molto importante, può creare empatia e sintonia con il cliente".

"If you give something handmade you don't give a simple object. Yes, it's something touchable, but there's also something that you can't touch: the time, passion, the troubles, the dreams of a person who express and live thanks to that job. A handmade gift has the advantage that can be personalized too. The personal story of the artisan is very important, it can connect the seller and the buyer". 



Giulia di Abricot Atelier  (che abbiamo conosciuto qui)

"Regalare qualcosa realizzato a mano a Natale è fare un vero Dono. Negli ultimi anni si vedono le corse nei centri commerciali per il regalo all'ultimo minuto, perché ci sentiamo obbligati a farlo. Un pensiero artigianale è più di un semplice regalo. Si regala la passione, la dedizione e l'amore che c'è dietro ogni creazione. Ricevere qualcosa realizzato a mano può provocare emozioni uniche. Un regalo artigianale non è mai scontato, può rispecchiare in pieno l'unicità che la persona che lo riceve ha per noi facendola sentire importante, è un grande gesto d'affetto. Tutto questo è molto più vicino all'idea di quello che dovrebbe essere un regalo di Natale".

"To give something handmade for Christmas is to make a real gift. Now we can see people going at supermarkets to make last minute gifts, because we feel ourselves obliged to do that. Something handmade is more than a simple gift. You are giving also the passion, the love, the devotion behind that object. To receive something handmade can make you feel wonderful emotions. A handmade gift can easily mirror the uniqueness of the person and make her feel important. All this is nearer to the original idea of Christmas". 




Sara di Misstufi (che abbiamo conosciuto qui)

"I prodotti realizzati a mano non sono dei semplici oggetti. Non sono solo il nome sull'etichetta, sono passione, cura, dedizione per rendere qualcosa unico e speciale. Sicuramente chi regala, o si regala, qualcosa di realizzato a mano dovrebbe farsi trasportare da questo pensiero".

"Handmade products are not simple objects. They're not only the name on the label, they're the passion, the devotion, the work to make something unique and special. Who give something handmade must think and feel this". 


Alice di Miwa (che abbiamo conosciuto qui)

"Penso che sia importante acquistare fatto a mano tutto l'anno, non solo a Natale. Ma in questo caso scegliere di regalare qualcosa di artigianale significa fare una scelta ragionata, perché si offre in dono qualcosa di qualità, di durevole nel tempo, unico nel suo genere e spesso anche personalizzato. Un regalo davvero speciale per le persone importanti nella nostra vita". 

"I think it's important to buy handmade all year long, not only during Christmas time. But during this time is a good choice because you give something of quality, which can last during the years, which is unique and usually can be personalized. A special gift for people important in our lives". 



Come vedete ognuna di queste artigiane ha toccato punti che per me sono molto importanti: sostenibilità, unicità, laboriosità. In un mondo in cui si stanno perdendo dei valori, in un pianeta che stiamo facendo spegnere pian piano, fermarsi un attimo e cercare alternative al regalo comprato a prezzo stracciato durante il Black Friday da una commessa frustrata di una grande catena di negozi forse può essere un piccolo gesto per recuperare tutto quello che stiamo perdendo. Concordo con tutte queste ragazze nel dire che un regalo artigianale è sostenibile, dal punto di vista ambientale e umano, è unico ed originale, è un'occasione per fare un gesto ancora più speciale. Quindi ne approfitto per ricordarvi che anche io ho un negozietto Etsy che potete curiosare per trovare un regalo in queste feste! ;)

As you can see each of these artisan talked about something very important for me: sustainability, uniqueness, hard work. As recently we are loosing so many values and we are the planet in which we live, we should think about all these things when we make our Christmas gifts. I think that a handmade gift is something sustainable (both from environment and human side), it's unique and original, it's an occasion to give something more special. So I'd like to remember you that I've a Etsy shop too so you can look for you Christmas gift there too! ;)



domenica 25 novembre 2018

Viaggiare con i libri #1!



Oggi inauguriamo una nuova rubrica! ;) Ultimamente sto cercando di riordinare le mie idee e questo blog. Ho notato sia dagli ultimi commenti ai miei articoli qui che sul mio profilo Instagram che preferite quando tratto temi di viaggio ed è sicuramente la direzione che vorrei dare al blog. Tuttavia, per il momento non ho le possibilità economiche di viaggiare quanto vorrei e di condividere contenuti di questo tipo tanto spesso. Allo stesso tempo, ho sempre parlato di libri sul blog. Leggere mi piace anche perché mi rende possibile viaggiare in più parti del mondo, di viaggiare tra i mondi e di viaggiare nel tempo. Anche voi avete queste sensazioni quando leggete? Così si spiega il nome della rubrica, che vorrei trasportare anche nelle storie sul mio profilo Instagram, un po' in stile Tegamini per intenderci (se non la conoscete e vi piace leggere dovete assolutamente seguirla)! :)

La inauguro con un libro molto speciale per me perché questa è la seconda traduzione che ho pubblicato: Maledetta fortuna di Anais Wilde. Si tratta del secondo libro di una trilogia romantica, il primo s'intitola Un colpo di fortuna e ve ne ho parlato qui. Nel secondo episodio di questa avventura vediamo una Rose sempre più incline a mettere in discussione la sincerità dell'amore che Rodolfo dice di provare per lei. Quelli che pensava essere i suoi sogni più grandi (tra cui, appunto, conoscere Rodolfo Vitti), non si rivelano ciò che si aspettava, ma per fortuna Rose riesce sempre a trovare l'amore in ciò che la circonda in qualche modo. Quello che mi piace di questa serie è che non si prende troppo sul serio, è una trilogia romantica e divertente, che non ha niente della drammaticità di cui si tingono i romanzi rosa ultimamente, il che la rende una lettura piacevole anche per chi non è un fan del genere. Attualmente il libro è disponibile solo in versione elettronica su Amazon, Kobo, Apple e Barnes & Noble.

sabato 17 novembre 2018

8 advent calendar to try this year / 8 calendari dell'avvento da provare quest'anno

Anche quest'anno vorrei condividere con voi qualche consiglio riguardo ai regali che si possono fare in questo periodo e, come ogni anno, inizio da quello che andrebbe regalato prima, ovvero il calendario dell'avvento. Vi mostro qui quelli che secondo me sono i calendari dell'avvento beauty più belli usciti per il Natale 2018. Ma perché fare un regalo di questo tipo? Se avete un'amica appassionata di un beauty brand in particolare in questo modo potrete regalarle più prodotti di quel brand in una volta, oppure è uno splendido modo per farle provare diversi prodotti di un marchio che non conosce. In questo modo potrà capire quali sono i suoi preferiti e non ci sarà spreco se qualcuno di questi non le dovesse piacere perché solitamente non sono in taglia piena. Anche il fatto che la maggior parte sia in travel size è un vantaggio a mio parere perché tantissime volte si ha bisogno di prodotti di questa dimensione. E poi ho sempre trovato carina la tradizione del calendario dell'avvento! ;) Tra quelli che vi mostro ho provato solo quello di L'Occitane e mi sono trovata molto bene, mentre quello che vorrei provare con più curiosità è quello di The Body Shop per diversi motivi: ho visto che molti prodotti sono in full size, non ho mai provato prodotti di questo brand che mi piace molto perché è un brand eco-friendly (tant'è che nel calendario ci sono dei consigli su come esserlo anche noi) e attivo nella beneficenza e inoltre la versione con le scatoline è facilmente riutilizzabile. A voi quale ispira di più? Ne avete già avuto uno tra questi? :)

This year I'd like to give you some suggestions for you Christmas gifts too and, like every year, I'd like to begin with advent calendars. I show you what I think are the best beauty advent calendar of 2018. But why should you do a gift like this? For example, if you have a friend who is a big fan of a specific beauty brand you can give here more products, but this is also a good way to let your friend know a brand who she don't know. In this way she'll understand which are her favourite products and which she don't like without lot of waste because usually they are in travel size. This fact is an advantage too because many times you need a travel size product. Moreover, I've always found beautiful the tradition of advent calendar! :) Of the brand I'm showing you today I just tried the L'Occitane one and I loved it, and the one that I wish to try most is The Body Shop one for many reasons: I saw that it has many full size products and I've never tried this brand before, but I like it because it's an eco-friendly and charity brand, and the version with little boxes is easy to re-use. Which one would you like to receive? Have you ever had one? :)



The Body Shop here





Lush here





Bottega Verde here





Rituals here




Glossybox here




L'Occitane here





Kiehl's here





Soap & Glory here